Un rapinatore un pò alticcio

Preannuncia una rapina. Denunciato un 34enne di San Pietro Vernotico. E' arrivato in Mercedes nei pressi della posta di via Taranto, invitando le persone ad allontanarsi

Un uomo invitava le persone presenti all’agenzia dalle poste di via Taranto ad allontanarsi perché entro dieci minuti ci sarebbe stata una rapina. È accaduto ieri mattina e si tratta di un uomo di anni 34, di San Pietro Vernotico, denunciato in stato di libertà per procurato allarme, guida in stato di ebbrezza (rifiuto di sottoporsi all’accertamento dello stato di ebbrezza, art. 186 c.7 del c. d. s.) e resistenza a pubblico ufficiale. Alcune persone allarmate hanno chiamato gli agenti di polizia, che intervenuti prontamente sono riusciti a rintracciare l’uomo a bordo della sua Mercedes nella stazione di servizio Q8 di via Taranto. Da subito l’uomo ha manifestato un equilibrio precario e verosimilmente in stato di ebbrezza alcolica. Al fine di accertare l’esatta dinamica di quanto avvenuto, e per procedere alle eventuali contestazioni, l’uomo è stato accompagnato poi in Ufficio dove, appena giunti, più volte si rifiutava di sottoporsi al test dell’etilometro presso gli Uffici della Sezione di Polizia stradale di Lecce. Inoltre nel corso degli accertamenti i poliziotti apprendevano quanto era accaduto poco prima nell’Ufficio Postale dalle dichiarazioni delle persone presenti emergeva infatti che l’uomo era entrato ed esprimendosi in italiano e con tono pacato ma facendosi sentire da tutti i presenti, aveva detto la seguente frase:”allontanatevi che fra poco sarà fatta una rapina”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!