Corti sotto le stelle chiude a Nociglia

La strada che non voglio. No alcol, no droga” Questo il tema dell’incontro-dibattito che si terrà questa sera alle 21.00 presso il porticato del castello baronale

Una serata dedicata all’impegno sociale. “La strada che non voglio. No alcol, no droga”, è infatti il titolo dell’incontro dibattito che alle 21.00 presso il porticato del castello baronale affronterà le difficili problematiche sulla sicurezza stradale. Un tema certamente difficile e un po’ inusuale da trattare in una serata d’estate, che il Comune di Nociglia ha fortemente voluto affrontare, proprio in questo periodo così sensibile per la sua drammatica attualità anche per dare continuità all’impegno profuso nell’ambito del progetto di prevenzione e sicurezza. Ne discuteranno, soprattutto sotto il profilo sociologico, Donato De Luca (Responsabile Provinciale dell’Associazione familiari e vittime della strada); Giuliana Coppola; Giuseppe Fracasso e Ippazio Puce. Corti sotto le stelle è una rassegna culturale organizzata dai Comuni di Montesano Salentino, Miggiano, Nociglia, Poggiardo e Surano che ha avuto come scenario, dal 29 luglio a questa sera, serata conclusiva, corti, piazze e cortili dei cinque comuni salentini. L’iniziativa, nata dall’idea condivisa che le rassegne estive devono essere considerate dei veri e propri strumenti di promozione del territorio, particolarmente efficaci se ben calibrati e comunicati, ha l’obiettivo di fare cultura facendo sistema. È un tentativo di connotare in modo univoco, pur nelle sue diversità, un territorio, nel complesso delle sue caratteristiche storiche, sociali, urbanistiche, turistiche, e culturali trasmettendo in modo diretto e rapido contenuti e valori. La consapevolezza che sia sempre più difficile catturare l’attenzione dei visitatori, in mezzo ad un’offerta nutrita e spesso confusa di eventi di ogni genere, proponendo cultura ha spinto i Comuni organizzatori, con uno sforzo notevole, a predisporre un programma di eventi ricco e di qualità sotto il profilo culturale. Anche quest’anno infatti i visitatori potranno assistere a convegni con personaggi del mondo universitario, politico, culturale, a mostre di pittura e di fotografia, a presentazioni di libri e a laboratori di artigianato, a tanta musica e alle tanto gradite sagre e degustazioni dei prodotti delle tradizione culinaria salentina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment