Bianca, come la notte

Torna a Spongano, per il terzo anno consecutivo, “Salento in una notte”. Arte, cibo e musica fino all'alba di domani

Per il terzo anno consecutivo, stasera, nel centro storico di Spongano si accenderà l’evento “Salento in una notte”. Organizzata dall’amministrazione comunale, insieme all’associazione culturale “Millee20”, la manifestazione nasce con l’intento di regalare agli sponganesi e ai tanti turisti una notte all’insegna della cultura, del divertimento, della musica, dell’arte e dell’enogastronomia. Protagonista a partire dalle ore 20 sarà ancora una volta il borgo antico di Spongano che ospiterà decine di stand per la degustazione di prodotti tipici, ai quali si aggiungerà l’angolo delle birre artigianali salentine. Il percorso si snoderà tra le vie e i vicoli del paese, arricchite dai sapori e dagli odori della nostra terra, insieme ai Salento Buskers con la loro carovana di artisti di strada e lo spettacolo vincitore del premio “Scenario Infanzia 2008” di Dario Cadei, intitolato Mannaggia ‘A Mort. Non mancherà, come di consueto, l’estemporanea di pittura con gli scorci notturni del paese impressi nelle tele di numerosi artisti. E poi ancora arte – quella cinematografica – grazie alla partnership con la rassegna “A Corto Di Idee” di Specchia: cortometraggi e ospiti animeranno la bellissima cornice storica di Palazzo Bacile. Due le novità assolute di questa terza edizione: “Salento in una Notte”, per prima cosa, darà spazio alla creatività giovanile, invitando a partecipare, ognuno con un proprio stand, tutti i progetti salentini che hanno vinto il bando Principi Attivi del programma Bollenti Spiriti della Regione Puglia. Poi, una “Jam Session”, uno spazio allestito con l’amplificazione e la registrazione audio e video a disposizione di chi volesse rendere note le proprie abilità musicali. La notte entrerà nel vivo con i concertoni finali, quando si esibiranno Quelli della Frisa, gli Erva, i Menamenamò di Luigi Mengoli e altri coinvolgenti gruppi musicali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!