Copersalento. Gli atti in Procura

Fare chiarezza, bonificare il territorio, salvaguardare l’occupazione. Lo chiede la delibera adottata ieri dal Consiglio comunale di Melpignano

Tutti gli atti in Procura. La questione Copersalento passa nelle mani della magistratura. Fare chiarezza, bonificare il territorio, salvaguardare l’occupazione. Sono i tre punti in cui si articola la delibera adottata all’unanimità dal Consiglio comunale di Melpignano che si è riunito in seduta aperta lunedì sera in piazza San Giorgio. Maggioranza ed opposizione hanno ribadito la necessità che l’inceneritore resti chiuso. Consiglieri e cittadini, singoli o riuniti in associazioni, hanno avuto modo di sottolineare come non venissero informati su ciò che accadeva in Copersalento. Sono state tirate in ballo le responsabilità di Comuni, Provincia e Regione e, dai banchi dell’opposizione, si è levata la richiesta di un risarcimento per “atti delittuosi nei confronti dell’umanità”. Alla fine il Consiglio ha deliberato di consegnare tutti gli atti del caso alla Procura affinché determini ed attribuisca le effettive responsabilità. La stessa delibera impegna Regione e Provincia a farsi carico dell’emergenza occupazionale generata dalla Copersalento e della bonifica del territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!