Fiocco rosa. Nata la Juventina Lecce

La nuova Juventina Lecce/Università del Salento da settembre disputerà il campionato di seconda categoria

In un momento in cui il calcio professionistico italiano ridimensiona i propri budget sfarzosi, riscoprendo d’improvviso i vivai, portiamo a conoscenza dei mass media, il progetto Juventina-Università del Salento. Un’iniziativa che a partire dal prossimo campionato di seconda categoria, vedrà tra le file della gloriosa Juventina dell’indimenticabile Attilio Adamo, un mix di giovani atleti universitari e di ragazzi salentini. In sintesi, il progetto nato da un’idea del direttore generale Giorgio Massafra, si prefigge di costituire la prima school sport university del Salento prendendo come riferimento i college universitari americani. Infatti, gli atleti della Juventina Lecce, considerando il coinvolgimento dell’Università del Salento nelle figure istituzionali del rettore Laforgia, del prof. Melica e del prof. Adamo e su precisa indicazione dei patron Valerio, dovranno impegnarsi, non solo sul rettangolo di gioco, ma anche nelle aule universitarie dove il comune denominatore sarà l’etica sportiva e civica. Quindi, a partire da settembre un doppio impegno sarà al nastro di partenza della Juventina, che al timone della prima squadra vedrà mister Giovanni Calogiuri trainare i suoi giovani students in maglia giallonera. Una sfida nella sfida, per costruire prima gli uomini del domani e poi gli atleti, poiché da sempre lo sport racchiude l’essenza della disciplina e del rispetto dell’altrui. Elementi cardini ormai ingialliti e che la Juventina vuol rispolverare, così come il suo antico splendore dai nomi illustri come Mimmo Renna, Aldo Sensibile, Gino De Vitis, Franco Causio, Sergio Brio e Antonio Conte. In definitiva il futuro ha solide basi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment