Riapre il tratto di strada Nardò – Pagani

E' la strada di comunicazione verso le marine. Vaglio: “Seppure lentamente sta prendendo forma l’idea iniziale di fare della strada un fiore all’occhiello per l’intera comunità”

Riapre il tratto di strada Nardò – Pagani, attualmente chiuso al traffico veicolare e dove in questi giorni si è alacremente lavorato per consentire l’apertura dell’importante strada di comunicazione verso le marine. La ditta che sta eseguendo i lavori, infatti, ha completato il tratto di strada che porta verso S. Caterina e, a breve, i lavori proseguiranno sulla corsia di marcia opposta. Si tratta di attendere qualche giorno, probabilmente fino a lunedì prossimo, affinché la ditta possa iniziare i lavori di fresatura dell’asfalto esistente nel tratto che dalla congiunzione con via Vaglio arriva a via Siciliano. Gli agenti della Polizia locale, diretti dal Ten. Col. Cosimo Tarantino, saranno presenti sul posto durante i primi giorni per scongiurare il pericolo di incidenti dovuti alla nuova segnaletica con l’indicazione del cambio della corsia da utilizzare. “Aggiungiamo un nuovo tassello, e finalmente una nota positiva, alla questione Nardò – Pagani che si avvia alla sua conclusione – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – a breve i lavori si sposteranno sulla corsia opposta rispetto a quelle sistemata in questi giorni ed entro due settimane metteremo la parola fine all’intera vicenda che, con gli strascichi giudiziari avuti, si è trascinata oltre ogni umana sopportazione. Seppure lentamente, quindi, sta prendendo forma l’idea iniziale di fare della strada che collega la città alle marine un fiore all’occhiello per l’intera comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment