Gallipoli. Boom di visite al museo

Cresce il numero di visitatori che quotidianamente si recano presso il museo civico di Gallipoli “Emanuele Barba”, dopo l'intervento di maquillage da 300mila euro

Continua a crescere in misura esponenziale il numero di visitatori che quotidianamente si recano presso il museo civico di Gallipoli “Emanuele Barba”, restituito alla fruizione collettiva dopo il consistente intervento di maquillage da 300mila euro, realizzato nell'ultimo anno. Se nella prima settimana di riapertura (30 giugno-7 luglio) si era registrato un lusinghiero bilancio di circa 350 visite, dopo 21 giorni il bilancio parla di oltre 1.300 visitatori recatisi presso l'antica struttura situata in via Antonietta De Pace, nel cuore del centro storico. Va ricordato che l'ingresso e la permanenza in quello che resta il luogo simbolo della memoria storica gallipolina, reso piacevole dall'impianto di climatizzazione (funzionante grazie all'ultimo lotto di lavori), con cui si riesce a combattere una canicola estiva sempre più opprimente, possono essere effettuati tanto di mattina (10-13) quanto di pomeriggio e sera (18-21). Molto apprezzato tra i visitatori, tra i quali si segnala una presenza importante di turisti inglesi e francesi, anche il “book shop” allestito all'interno della struttura, dove è possibile trovare cartoline illustrative, libri, opuscoli, dvd e pubblicazioni su Gallipoli ed il Salento, in grado di affrontare argomenti che spaziano dall'arte all'enogastronomia. “Continuiamo a registrare – è il commento dell'assessore alla Cultura, Gabriella Casavecchia – questi numeri molto positivi relativi alla domanda culturale che ci viene proposta a livello turistico. Una conferma indiretta di come la scommessa sul versante culturale posta in essere dall'Amministrazione Comunale e finalizzata tanto al recupero di beni storici quanto alla salvaguardia della cosiddetta “cultura immateriale” si sia rivelata vincente e soprattutto strumento utile ad allargare ed estendere l'offerta recettiva della nostra città. Quanto al museo, l'assessorato ha già predisposto una serie di iniziative di una certa importanza, che si spera di realizzare nei prossimi giorni, tese a rimarcare il ruolo di contenitore culturale del museo”. Tra i servizi offerti dal museo, inoltre, va rammentata la possibilità di richiedere, su prenotazione, delle visite guidate per la città, alla scoperta dei luoghi più caratteristici ed affascinanti della perla dello Ionio. Per farlo è sufficiente contattare il numero del museo (0833/264224), dove verrà fornito ogni dettaglio a riguardo e più in generale sulle visite al museo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment