Estate Mediterranea

Anche più eventi in uno stesso giorno, giusto per avere l'imbarazzo della scelta. Ha preso il via, a Lecce, la rassegna “Mediterranea”

di Daria Ricci E’ partita “Mediterranea”, la rassegna di spettacoli, arte e cultura promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Lecce. Ed è partita con quella filosofia che da sempre l’ha caratterizzata “la forte capacità di esprimere con vigore le esperienze artistiche locali, nazionali e dei popoli del Mediterraneo, in cui si cerca di valorizzare gli spazi più antichi di Lecce, come l’anfiteatro – come ha detto l’assessore Alfarano – ma non per questo ci si dimentica delle periferie e delle marine leccesi che anzi saranno coinvolte da diversi spettacoli”. Costi simbolici per gli spettacoli promossi dal Comune: anche un euro e cinquanta e tre euro. Gli altri spettacoli, come l’esibizione di Massino Ranieri, o quelle di Rava ed Einaudi, organizzati da privati in collaborazione con il Comune, avranno costi diversi. Una varietà di spettacoli, per tutti i gusti e gli interessi, dal teatro (a Carla Guido, direttrice artistica della stagione teatrale invernale, il compito di elaborare anche gli appuntamenti teatrali estivi) alla danza, alla musica; tavolta ci sarà anche l’imbarazzo della scelta perché alcuni spettacoli si sovrapporranno. “Però fa piacere – dicono gli organizzatori – pensare che in una stessa ora qualcuno vada a ascoltare musica e altri si dirigano verso una sede dove si esegue musica barocca o verso qualche raffinata forma di intrattenimento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!