Il Salento ha “peso” in Europa

La copertinese Maria Grazia Alemanno, atleta di “Body’s training”, sarà a Landskrona, dove si terranno i campionati europei Juniores di pesi dal 26 luglio al 2 agosto

Lo sport salentino ha un prestigioso appuntamento in Europa. Domani, infatti, Maria Grazia Alemanno, atleta di Copertino tesserata per l’ASD “Body’s Training”, lascerà l’Italia per volare a Landskrona, in Svezia, dove dal 26 luglio al 2 agosto prossimo si disputeranno i Campionati Europei Juniores di sollevamento pesi, maschile e femminile. Maria Grazia indosserà la maglia azzurra e salirà in pedana nella cat. 63kg con l’obiettivo di sollevare 159 kg. Un traguardo alla sua portata, che varrebbe molto più di una medaglia, come spiega lo zio e allenatore Francesco Alemanno, che sarà al suo fianco in questa avventura: «In occasione dei Campionati Italiani che si sono svolti a Roma in aprile, Maria Grazia vinse l’oro nello strappo, nello slancio e nel totale olimpico, con 151kg sollevati. Un risultato che le permise di entrare nell’elite della pesistica internazionale con la qualifica di “Atleta di interesse europeo”. Ora bastano 8 chili in più e Maria Grazia potrà entrare anche nel ristretto e prestigioso gruppo degli “Atleti di interesse Mondiale”, guadagnando così già da ora la partecipazione ai prossimi Campionati del Mondo. Si è allenata molto bene, è in forma e sono convinto che entrerà tra le top ten della manifestazione». Tanto agguerrita in pedana quanto modesta senza un bilanciere tra le mani, Maria Grazia si dichiara moderatamente ottimista: «Spero di raccogliere i frutti di tutto il lavoro che ho fatto finora, ma non gareggerò da sola, quindi sarà dura. Però sono felicissima di essere riuscita a tornare in pedana così presto dopo essere stata ferma un anno: mi sento molto più sicura rispetto all’ultima volta che ho partecipato ad una competizione internazionale e farò del mio meglio per tornare a casa con una medaglia». L’unico rimpianto di Maria Grazia è quello di non poter portare con sé in Svezia il “motivo” della sua sosta forzata di un paio di anni fa: il piccolo Samuele che a casa, insieme alla nonna, tiferà per la sua fortissima e dolcissima mamma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!