Sequestro di persona. Salentini condannati

Massimo Fiordisio di Calimera. Sergio Caroppo di Lecce e Giuseppe Invidia di Cellino San Marco. Hanno sequestrato un operatore turistico di Mestre

Una spedizione punitiva in Veneto, tutta salentina. Giuseppe Invidia, 39 anni, di Cellino San Marco, Massimo Fiordisio, 36 anni, di Calimera e Sergio Caroppo, 42 anni, leccese, sono stati condannati ad un anno e due mesi di reclusione ciascuno, per aver sequestrato il titolare di un'agenzia di viaggi di Mestre per farsi restituire un credito. Il processo si è celebrato davanti al Gup del Tribunale di Padova. I tre dovevano difendersi dalle accuse di sequestro di persona e di estorsione. Il pm nella precedente udienza aveva chiesto condanne ben più pesanti: 6 anni ed 8 mesi per Invidia, 5 anni e 4 mesi nei confronti di Caroppo e 4 anni e 4 mesi per Fiordisio, ma il gup ha invece inflitto pene più basse, confermando il reato di sequestro di persona, ma riqualificando l'accusa di estorsione in esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati