Alessano. Scappa dopo borseggio

I carabinieri della Stazione di Alessano hanno arrestato Giuseppe Bello, un 38enne del posto per furto aggravato

Erano passate da poco le sette di ieri sera quando una pattuglia, impegnata in servizio di vigilanza agli esercizi commerciali durante l’orario di chiusura per la prevenzione delle rapine, ha notato un uomo uscire velocemente da un negozio del centro, infilare con gesto furtivo qualcosa nei pantaloni e quindi allontanarsi a passo spedito. Insospettiti dall’insolito comportamento il capopattuglia ha invitato la persona a fermarsi ma questi, fingendo di non sentire la voce del militare, ha continuato imperterrito ad allontanarsi dall’esercizio commerciale. Resisi conto che nel modo di fare dell’uomo c’era qualcosa di decisamente anomalo, i Carabinieri si sono subito avvicinati al soggetto che ha tentato di allungare il passo. In quel momento dallo stesso negozio è uscito un altro uomo che, in preda alla disperazione, gridava di aver appena subito il furto del proprio portafogli. Alle urla del derubato il primo uomo, successivamente identificato per Bello, si è dato precipitosamente alla fuga ma i militari dell’Arma, che gli si erano già avvicinati, lo hanno prontamente raggiunto e bloccato. Sottoposto a perquisizione personale, Bello è stato trovato in possesso del portafogli della sua vittima all’interno del quale c’erano circa 100€ ed i documenti d’identità del derubato. Inesorabilmente per l’uomo sono scattate le manette. Dell’avvenuto arresto è stato informato il PM di turno, dott. Gagliotta, il quale ha disposto la traduzione di Bello presso la Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce dove l’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato dagli stessi militari che lo hanno dichiarato in arresto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!