Riapre Masseria Torcito. Contenitore culturale in più

È stato raggiunto l’accordo per la sottoscrizione di un protocollo operativo tra Provincia di Lecce e Comune di Cannole, per l’utilizzo trimestrale della masseria

Masseria Torcito presto tornerà a nuova vita dopo anni di degrado. L’impegno è il prodotto dell’incontro tenutosi in mattinata a Palazzo Adorno tra il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il Sindaco di Cannole Adriana Petrachi, il suo Vice Fabrizio Cananiello, i tecnici dell’Amministrazione Provinciale ed il Dirigente dell’Ufficio Speciale “Parco di Torcito”, Ing. Gianni Refolo. Preso atto dell’attuale continuativo stato di abbandono dell’immobile, il Presidente Gabellone e gli amministratori di Cannole hanno trovato un punto d’intesa sull’affidamento temporaneo di “Masseria Torcito” allo stesso Comune. Dopo i primi interventi di messa in sicurezza, il bene potrà essere gestito e reso fruibile culturalmente nei mesi di agosto, settembre e ottobre prossimi, con una condivisione totale da parte degli enti coinvolti per ciò che riguarda le iniziative destinate a far tornare a nuova vita questo contenitore. La riqualificazione di “Masseria Torcito”, parallelamente, seguirà un più ampio percorso di valorizzazione con un progetto atteso ora in Conferenza dei Servizi, che con un intervento di 5 milioni di Euro definirà l’Area Parco, quelle attrezzate, i percorsi della salute, comprendendo anche il recupero dei 2 immobili-masseria attualmente abbandonati. “Soddisfazione” per l’intesa raggiunta, è stata espressa dal Sindaco di Cannole Anna Petrachi: “il Presidente, nonostante gli impegni d’avvio di Legislatura, ha subito toccato con mano la reale consistenza dei problemi di Torcito, dimostrando la volontà immediata di far rinascere questa struttura”. Medesima “soddisfazione” viene espressa dal Presidente della Provincia Antonio Gabellone, per cui “l’avvio di questo percorso è solo il primo passo verso la rinascita definitiva di Masseria Torcito: per me una priorità del programma culturale di governo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment