Le macchine di Leonardo ad Acaya

Oggi l'inaugurazione della mostra. Parteciperà Antonio Gabellone, presidente della provincia

Le macchine di Leonardo da Vinci nelle sale di Gian Giacomo dell'Acaya”, è questo il tema della mostra che sarà inaugurata quest sera alle ore 20, presso il Castello di Acaya. L’esposizione è nata da una proposta dell'associazione Creattivamens di Galatone, accolta dall’assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce, dall'Istituto di Culture Mediterranee e dall'Azienda di Promozione Turistica di Lecce. La collezione, opera dell’artista salentino Giuseppe Manisco, è composta da più di quaranta fedeli riproduzioni tratte dai disegni e dai progetti di Leonardo da Vinci. All’inaugurazione saranno presenti il presidente della Provincia Antonio Gabellone, il sindaco di Vernole Mario Mangione, il presidente dell’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce Maria Rosaria De Lumè, il direttore del Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano” Antonio Cassiano, la Commissaria dell’Azienda di Promozione Turistica di Lecce Stefania Mandurino e l’artista Giuseppe Manisco. Grazie alla straordinaria abilità e alla perizia di Giuseppe Manisco è possibile visionare le macchine volanti, le armi e gli altri sofisticati congegni inventati e progettati dal genio fiorentino, seguendo un itinerario completo e avvincente che riporta il visitatore nel mondo dell’arte, della scienza e della civiltà del Rinascimento italiano. La mostra si rivolge dunque agli appassionati e agli studiosi di Leonardo da Vinci e a tutti coloro che vogliono vivere quest’esperienza unica, dando la possibilità anche ai non vedenti di seguire uno specifico percorso tattile. Inoltre particolare attenzione è rivolta al mondo studentesco: la mostra chiuderà i battenti, infatti, il prossimo 31 ottobre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!