Insediato il nuovo vescovo di Lecce

Domenico Umberto D’Ambrosio si è insediato. Buccoliero: “il Salento ricambia l'affetto del suo arcivescovo per un proficuo cammino di speranza”

Una lunga concelebrazione eucaristica pomeridiana per l'insediamento del nuovo vescovo. Nato a Peschici il 15 settembre del 1941, D’Ambrosio ha ricevuto l’ordine sacro nel 1965. Il 14 dicembre del 1989 è stato eletto vescovo della diocesi di Termoli-Larino e consacrato il 6 gennaio 1990. Nel 1999, è diventato arcivescovo di Foggia-Bovino, prima di passare nel 2003, alla guida della chiesa di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, divenendo delegato della Santa Sede per il santuario e le opere di padre Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo. Il 6 aprile del 2009, con decreto della Santa Sede, è stato nominato arcivescovo metropolita di Lecce. “Con l'arrivo di Mons. Domenico D'Ambrosio si apre una nuova e proficua stagione per la diocesi di Lecce”.È quanto dichiara Antonio Buccoliero, che ha partecipato alla cerimonia d'insediamento del nuovo arcivescovo di Lecce. “Ho molto apprezzato le parole di Mons. D'Ambrosio – prosegue Buccoliero – che racchiudono un uomo di pensiero e di azione, pronto a porsi in ascolto dell'altro, di tutto un territorio che vuol raccontare non solo le delusioni e le sconfitte, ma anche le gioie e le speranze di un futuro migliore”. “Sono certo – conclude Buccoliero – che il Salento saprà ricambiare, con lo stesso slancio e con la medesima ostinazione, l'amicizia sincera del suo arcivescovo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment