Veglie e Cursi. Due presìdi di Io Sud

Incomincia a strutturarsi la rete dei presìdi locali a tutela dei cittadini, con l’obiettivo di promuovere azioni a favore del territorio meridionale

Si sono attivati i primi due “presìdi” locali di Io Sud: il primo a Veglie presso lo studio dell’avvocato Antonio Malerba in via Bari 63; l’altro a Cursi presso la dott.ssa Maria Marrocco in via Adige 7. L’avvocato Malerba nei giorni scorsi ha dato vita ad una raccolta di firme per evitare che i cittadini vegliesi fossero costretti a pagare retroattivamente gli aumenti della Tarsu. Un’azione che ha indotto gli amministratori comunali a sospendere la delibera. La dott.ssa Marrocco si è resa disponibile per informazioni su interventi in favore delle PMI in relazione ai recenti bandi regionali. “Incomincia a strutturarsi la rete dei presìdi locali a tutela dei cittadini, con l’obiettivo di promuovere azioni a favore del territorio meridionale – ha commentato Adriana Poli Bortone – Sono particolarmente soddisfatta dello spirito movimentista con cui hanno dato la loro pronta disponibilità diversi professionisti aderenti all’associazione IO SUD: i presìdi sono infatti un modo diverso e più efficace per ristabilire un rapporto di maggiore vicinanza ai cittadini che rischiano di allontanarsi sempre più dalla politica. Con i presìdi – conclude il sen. Poli Bortone – stiamo iniziando a dar corpo ad una struttura organizzativa parallela rispetto a quella del partito IO SUD, anch’esso in una fase organizzativa con l’apertura del tesseramento che porterà ai congressi comunali, provinciali e regionale entro il mese di ottobre”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!