Recuperiamo Torre Squillace

Il comune di Nardò illustra il piano per la messa in sicurezza e la ristrutturazione della torre a rischio crollo

Avverrà il 14 luglio prossimo, da parte della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Lecce, la consegna dei lavori indifferibili ed urgenti all’impresa Edilgamma s.r.l. di Lecce per la messa in sicurezza di Torre Squillace. I lavori consisteranno nella ricostruzione delle parti crollate, in particolare della torre di guardia e di parte del parametro murario sottostante (lati sud ed est). Questo è l’epilogo di un’attività che il settore demanio dell’assessorato urbanistica e ambiente ha portato avanti nei mesi scorsi, in sinergia con la soprintendenza e che ha visto coinvolti tutti gli enti interessati, dalla Regione Puglia all’agenzia del demanio. Una volta terminati i lavori, così come stabilito dal verbale di sopralluogo congiunto redatto a luglio dello scorso anno e sottoscritto per il comune di Nardò dal funzionario ingegnere Antonella Fiorentino, l’amministrazione comunale si è impegnata a prendere in consegna l’immobile e ad attivare le procedure finalizzate al reperimento di finanziamenti comunitari per il recupero funzionale del monumento e dell’area circostante. “L’intenzione dell’Amministrazione comunale, fortemente perseguita dal sindaco Antonio Vaglio – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente, Mino Natalizio – è quella di drenare gli opportuni finanziamenti per rendere fruibili ai fini turistici le torri Squillace, S. Isidoro e dell’Alto al fine di creare un vero e proprio sistema di torri costiere. Le tre storiche testimonianze, infatti, rappresentano il fulcro vitale dell’area parco di Portoselvaggio e dell’area marina protetta di Porto Cesareo-Nardò e possono rappresentare un importante elemento di attrazione turistica, oltre ad avere un alto valore funzionale”. Per quanto riguarda la Torre di S. Isidoro, il cui iter burocratico di consegna al Comune di Nardò terminerà tra pochi giorni, necessita di pochi interventi per essere utilizzabile già dalla prossima stagione, mentre per Torre dell’Alto il recupero è stato inserito nei progetti prioritari dell’Area Vasta, il cui iter è stato curato dal vicesindaco Giancarlo De Pascalis, e dovrebbe ottenere a breve i necessari fondi per il recupero”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment