Palazzo dei Celestini. Ecco gli eletti

La Corte di Appello di Lecce ha proclamato e comunicato i candidati eletti per il nuovo Consiglio provinciale 2009-2013, sotto la presidenza di Antonio Gabellone

A sedere sugli scanni di Palazzo dei Celestini, sotto la presidenza di Antonio Gabellone, saranno i seguenti trentasei consiglieri provinciali. Per il gruppo “Popolo della Libertà” saranno undici i consiglieri: Ernesto Toma, Silvano Macculli, Roberto Marti, Giovanni Marra, Francesco Pacella, Pasquale Luigi Gaetani, Giorgio Antonio Primiceri, Giovanni Ippazio Stefano, Salvatore Marcello Di Mattina, Francesco Cimino, Livio Nisi. Per il gruppo “La Puglia Prima di Tutto” cinque consiglieri: Cosimo Miccoli, Pierluigi Pando, Sandro Quintana, Pompilio Massimo Como, Antonio Ermenegildo Renna. Per il gruppo “Progetto Provincia – Lista del Presidente” due consiglieri: Bruno Ciccarese, Antonio Rosato. Per il gruppo “Azzurro Popolare” due consiglieri: Stefano Minutello, Salvatore Polimero. Per il gruppo “Patto per il Salento – PPS”: Mario Pendinelli. Per il gruppo “Udeur – Popolari”: Carlo Giuseppe Merenda. Tra i banchi dell’opposizione troveranno posto: Per il gruppo “Partito Democratico” cinque consiglieri: Cosimo Durante, Sergio Blasi, Alfonso Rosario Rampino, Gabriele Umberto Mario Caputo. Per il Gruppo “Salento C’è”: Giovanni Siciliano. Per il Gruppo “Italia dei Valori”: Gianfranco Coppola. Per il Gruppo “Partito Socialista”: Vittorio Potì. Per il Gruppo “Giovanni Pellegrino per il Salento”: Aurelio Antonio Gianfreda. Per il Gruppo “Casini – Unione di Centro” due consiglieri: Cosimo Frasca, Giovanni Tundo. Per il gruppo “Io Sud” due consiglieri: Paolo Cairo, Severo Martini. Tra i banchi di Palazzo dei Celestini troveranno posto, inoltre, gli altri candidati alla carica di presidente della Provincia di Lecce: Loredana Capone ed Adriana Poli Bortone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!