Opere di fognatura nera a Torre San Giovanni e marine

Angelo Minenna chiede ad Eugenio Ozza se nel piano d’ambito dell’AATO acque pugliese sia previsto o meno un finanziamento per la realizzazione di opere fognarie ad Ugento, con particolare riferimento a Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini

Alla cortese attenzione del Sindaco del Comune di Ugento on.le Eugenio OZZA (in qualità di componente del Comitato Esecutivo dell’AATO delle Acque) e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Ugento sign. Biagio MARCHESE. Oggetto: Piano d’Ambito dell’AATO delle Acque e finanziamento opere di fognatura nera a Torre San Giovanni e nelle marine di Ugento. Interrogazione orale a risposta immediata, da illustrarsi nella prossima seduta utile del Consiglio Comunale. Ugento, lì 1 luglio ’09 Egregi Signori, per sapere premesso che: – È ormai risaputa la cronica mancanza nelle località costiere del territorio ugentino, e cioè nella frazione di Torre San Giovanni e nelle marine di Torre Mozza e Lido Marini. – Conosciamo e comprendiamo tutti che ciò costituisce un preoccupante fenomeno di allarme igienico sanitario, di danno ambientale e di sicura immagine non positiva per le numerosissime presenze turistiche che ogni anno affollano il nostro territorio: ciò è dovuto alla presenza di numerosi pozzi neri, non a tenuta stagna e quindi con probabile inquinamento di strati di falda acquifera, agli scarichi illegali di liquami neri nelle campagne e nei Bacini di Ugento e a tanti altri diffusi fenomeni di danno ambientale. – Nella seduta del Consiglio Comunale del 15 giugno ’09 il Sindaco di Ugento sollecitava un intervento unitario di tutte le forze politiche e sociali, in sede regionale, preannunciando la presentazione, in sede di Autorità delle Acque della Puglia, di un progetto, da ammettersi a finanziamento, per la realizzazione della fognatura nera in tutte le località costiere di Ugento, dove maggiori sono i disagi e dove la pressione antropica aumenta soprattutto nei mesi estivi. – Il Sindaco di Ugento, on.le Eugenio Ozza, è da tempo componente del Comitato Esecutivo e dell’Assemblea dell’AATO Acque della Regione Puglia, organismo questo che decide le politiche di gestione delle risorse idriche e di quanto paghiamo in bolletta all’Acquedotto Pugliese, attraverso la redazione di un Piano d’Ambito per tutta la Regione, con cadenza annuale o triennale. – E’ notizia del 17 di giugno, riportata dagli organi di stampa e di informazione che l’Assessore Regionale alle Opere Pubbliche Onofrio Introna ha scritto all’AATO Acque e all’Associazione Nazionale Comuni Italiani della Puglia per sollecitare la redazione del Piano d’Ambito, in modo da progettare soprattutto gli investimenti da realizzare di concerto con Acquedotto Pugliese. – Pare, infatti, che la Regione abbia già da tempo destinato oltre 200 milioni di euro, per la realizzazione di importanti opere idriche e fognarie in tutto il territorio pugliese, somme queste rinvenienti dalla programmazione POR, e che, ai sensi della legislazione vigente, sono bloccate e in attesa di essere spese in virtù di quel Piano d’Ambito che l’AATO delle Acque, e quindi tutti i comuni pugliesi, avrebbe dovuto fare entro e non oltre il mese di marzo 2009 e che tarda ancora a concretizzarsi. – Inoltre, nel suddetto Piano dovrebbe essere prevista la realizzazione di due dissalatori, uno a Taranto e l’altro nel Salento, che contribuirebbero non poco a risolvere le emergenze idriche che ci vediamo costretti da tempo a sopportare, con la conseguente mancanza d’acqua in tutto il territorio di Ugento. Tutto quanto sopra premesso, CHIEDO al sindaco del comune di Ugento, on.le Eugenio Ozza, di conoscere le decisioni assunte in sede di AATO Acque in merito a quanto scritto e dichiarato dall’Assessore Introna; se nel Piano d’Ambito dell’AATO Acque Pugliese sia previsto o meno un finanziamento per la realizzazione di opere fognarie ad Ugento, con particolare riferimento a Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini; se non sia ormai urgente ed improrogabile un Suo personale interessamento, in quanto componente del Comitato Escutivo dell’AATO Acque, volto alla stesura in tempi rapidi e certi del Piano d’Ambito del suddetto organo, in modo tale da sbloccare risorse economiche urgenti, già stanziate dalla Regione Puglia, che di certo risolverebbero enormi problemi che attanagliano da decenni Ugento ed il suo territorio. Angelo Minenna

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment