Nucleare.Vincolante il parere dei comuni?

L'Anci di Puglia va su tutte le furie per il “no” della Camera. “La nostra proposta è stata bocciata, ma ci opporremo”

Sul problema “nucleare”, trattato nel disegno di legge “Sviluppo ed energia, la Camera dei deputati ha espresso parere negativo sulla richiesta di parere vincolante dei Comuni per l’insediamento delle centrali. “Siamo francamente dispiaciuti. Dopo l’approvazione del Senato, l'associazione dei Comuni aveva richiesto ai deputati ed in particolare a quelli pugliesi l’impegno ad introdurre nel disegno di legge una norma che attribuisse ai Comuni e alle Regioni il parere vincolante su tutte le ipotesi di individuazione dei siti nucleari”. Questo dichiara Fabiano Amati, vice presidente di Anci Puglia. E ancora “Poiché sono convinto che solo gli uomini onesti fanno della propria parola un obbligo, ho deciso di comunicare l’espressione del voto dei deputati pugliesi sulle proposte emendative (25.13. e 25.14) che più semplicemente recepivano la proposta ANCI e gli impegni verbali assunti da tutti”. “Allo stato non resta che attendere la solitaria decisione del Governo sui siti nucleare, che in ogni caso i Comuni sono pronti ad ostacolare con tutte le iniziative amministrative e politiche di dissenso civile, qualora la scelta dovesse puntare a rubare il futuro che tante comunità hanno pensato e pianificato per sé”. Ha concluso il vicepresidente. ESPRESSIONE DI VOTO DEI PARLAMENTARI PUGLIESI SUGLI EMENDAMENTI 25.13. e 25.14. CONTRARI AL PARERE VINCOLANTE DEGLI ENTI LOCALI: Bruno, Calderisi, Carlucci, Di Staso, Divella, Franoso, Fucci, Lazzari, Lisi, Mannucci, Patarino, Pepe, Sardelli, Sbai. FAVOREVOLI AL PARERE VINCOLATE DEGLI ENTI LOCALI: Bellanova, Boccia, Bordo, Buttiglione, Cera, Concia, Ginefra, Grassi, Losacco, Mastromauro, Pisicchio, Ria, Ruggeri, Servodio, Vico, Zazzera. ASSENTI AL VOTO: Barba, Capano, D’Alema, Di Cagno Abbrescia, Gaglione, Savino, Sisto, Tanoni. IN MISSIONE: Buonfiglio, Cesa, Fitto, Mantovano, Vitali. PRESIDENTE DI TURNO (non partecipante al voto): Leone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment