Opalic, Torbica, Telepnev. Ancora Italgest

Riconfermata la maglia rosso – azzurra ai tre campioni anche per la prossima stagione

Prosegue intenso il lavoro di costruzione della nuova Italgest Casarano. Dopo aver confermato Buffa, Fovio, Ognjenovic, Carrara e Stritof e aver ingaggiato la giovane ala destra argentina Flavio Ferrantelli, la società rosso – azzurra si assicura le prestazioni di Damir Opalic, Milan Torbica e Ivan Telepnev anche per la prossima stagione. Il ds Giuseppe Isernia ricompone il muro difensivo salentino composto da Stritof e Opalic: per il terzino italo – croato sarà la seconda stagione in maglia rosso – azzurra. Nella sua prima annata a Casarano, Opalic ha messo a segno ben 28 reti in campionato ed è stato tra i protagonisti dell’esaltante finale di stagione: “Non potevo non rimanere a Casarano, una città in cui mi sono trovato benissimo e nella quale siamo riusciti a vincere lo scudetto e a vivere momenti emozionanti ed importanti della mia carriera”, dichiara Opalic. “Credo nel lavoro del direttore sportivo e della società: spero di rivincere il tricolore e di rimpinguare il nostro palmares con la Coppa Italia”. Primi importanti passi in avanti anche per la pattuglia di stranieri che comporrà la compagine salentina: l’ala destra bosniaca Milan Torbica e il terzino sinistro bielorusso Ivan Telepnev hanno rinnovato il proprio rapporto con la Italgest Casarano. Entrambi costituiscono due fondamentali pedine per mister Francesco Trapani: il primo è stato il miglior realizzatore della Italgest nella Serie A d’Elite con 119 reti, mentre il secondo, dopo un’iniziale periodo di ambientamento, ha toccato quota 64 reti. Con otto conferme e un volto nuovo, prende forma la Italgest Casarano 2009-10: l’oculato lavoro della dirigenza non si esaurisce: l’obiettivo è costruire una rosa competitiva per i massimi livelli nazionali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!