Amor battone

Amy Winehouse cantata (e non raccontata) ai bambini

C’è un giovane papà imbarazzatissimo con questa moda didattica dell’inglese sin dalle elementari. Amava condividere i suoi gusti musicali in famiglia e, quando gli nacque una bimba, attaccò subito con le terapie intensive di Bach e Mozart durante la nanna, la pappa e la cacca. Qualche anno dopo, passeggiando per le navate di un megastore qualsiasi, scoprirono insieme Amy Winehouse. Fu amore al primo ascolto e cominciarono a canticchiarla in casa. Intanto si avvicinava l’età scolare e la minaccia dell’inglese. Perché l’amore cantato da Amy è l’amore che non si racconta ai bambini. Anzi, con o senza inglese, alla fine se ne accorgono tutti. Il maquillage da battona la dice lunga. In “Back to black” canta senza perifrasi le angosce di un’amante part-time. Sei venuto a inzuppare il biscottino e adesso te ne torni da lei, eh?! E io… back to black! Diciamo sempre che questa è l’ultima, ma poi, come Tenco, di notte mi vieni a cercare. No, Amy non cita Tenco, perché è una popolana londinese, ma con sprazzi di purissimo lirismo disperato, come quando dice che la vita è un tubo e lei una monetina che cerca di “scivolare all’insù”. Qui solo con chitarra e basso alle spalle. Le battone non cantano più così.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!