Lotta al lavoro irregolare. 34 assunzioni nel Salento

Bari. Sette progetti di aziende della provincia di Lecce ammessi a finanziamento nell’ambito del bando di sostegno alla destagionalizzazione

BARI – Non chiamatelo più lavoro stagionale. L’intento della Regione Puglia è, infatti, proprio quello di liberarlo dalle catene dei classici tre mesi estivi. E gli effetti potrebbero vedersi giù alla prossima estate. Per raggiungere l’obiettivo, Via Capruzzi a fine giugno ha pubblicato un bando per “L'emersione del lavoro irregolare e la destagionalizzazione delle attività” mettendo a disposizione della causa la somma complessiva di 800mila euro per incentivare assunzioni regolari nelle attività turistiche stagionali, dunque contratti regolari anche se a tempo determinato. Condizione necessaria: che il contratto di lavoro abbia validità per un tempo superiore ai tre mesi. Sul Burp del 15 dicembre, i progetti finanziati. 31 le aziende ammesse a finanziamento per un totale di 273 assunzioni. Nel Salento, i progetti che hanno ricevuto l’ok della Regione sono sette per un totale di 34 assunzioni. Ecco nel dettaglio, i progetti finanziati nella provincia leccese: Iria di Russo Corrado, Corsano: un’assunzione Masseria Panareo, Otranto: 1.800 euro per due assunzioni Bagno Marino Archi, Santa Cesarea Terme: 1.800 euro per tre assunzioni General and turistic service corp, Lizzanello: 3.600 euro per tre assunzioni 5 Effe gestione Albergo Palazzo, Santa Cesarea Terme: 25.200 euro per 18 assunzioni Iovene Riccardo, Poggiardo: 1.800 euro per un’assunzione Soc Coop R.L. Canneto ’79, Gallipoli: 7.200 euro per sei assunzioni L'incentivo regionale si pone due effetti: il primo è quello di prolungare il contratto a tempo determinato, il secondo è quello di assicurare la riassunzione degli stessi lavoratori nelle stagioni successive, ampliando i diritti di precedenza. Grazie all'avviso i datori di lavoro potranno ricevere fino ad un massimo di 1.800 euro per ciascun lavoratore che sia stato assunto a tempo determinato per più di tre mesi ed esclusivamente ad orario pieno. Saranno erogati 600 euro per ciascuna mensilità successiva alla terza, dunque ogni contratto regolare di oltre tre mesi, per effetto dell'incentivo, sarà prolungato fino ad altri tre mesi. Le assunzioni dovranno essere effettuate nel periodo che va dal 1° maggio 2011 al 31 dicembre 2011.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!