Tricase. Occupano la casa dell'inquilina

Tre donne di Tricase denunciate dai carabinieri per invasione di edifici. Momenti di tensione nelle case popolari

I militari dell’Aliquota Radimobile sono intervenuti, su richiesta giunta al numero unico europeo d’emergenza 112, presso le case popolari di Tricase dove tre donne, A.R, e le sorelle D.C. e G.C., rispettivamente 42enne, 21enne e 19enne, tutte del posto, sono state identificate e denunciate all’Autorità Giudiziaria per invasione di terreni o edifici e danneggiamento. Dagli accertamenti eseguiti dai Carabinieri, infatti, è emerso che le donne avevano occupato abusivamente l’appartamento assegnato ad un’altra signora, regolarmente iscritta all’A.I.R.E. del Comune di Tricase. Per introdursi all’interno dell’abitazione avevano dapprima forzato la porta d’ingresso e quindi sostituito la serratura. L’episodio è emerso nell’ambito dei controlli compiuti nella notte fra sabato e domenica dai militari della Compagnia di Tricase, i quali hanno effettuato un servizio a largo raggio finalizzato principalmente al contrasto del fenomeno delle stragi del sabato sera, alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti ed alla prevenzione dei reati contro il patrimonio. I controlli hanno interessato il territorio di tutti Comuni ricadenti nella giurisdizione della Compagnia ed è stato attuato impiegando anche due apparati etilometri. Nel complesso sono state controllate 58 autovetture, 122 persone e sono state elevate 14 contravvenzioni al codice della strada. Inoltre, 18 le persone sottoposte al controllo con l’etilometro, quattro delle quali sono state denunciate per guida in stato di ebbrezza poiché trovate con un tasso alcolemico superiore al livello consentito e che si sono viste, inoltre, sequestrare i veicoli da parte Carabinieri. Ben tre, invece, gli automobilisti “beccati” sprovvisti della patente di guida; tutti hanno riferito di averla lasciata a casa per evitarne lo smarrimento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment