Io Sud prende le distanze da Pd e Pdl

La senatrice replica alle ipotesi di apparentamenti con Vendola in funzione di un accordo per le prossime regionali. “Io con Vendola? Fantasie del Pdl senza umiltà”

“L’assurda ipotesi di accordi con Vendola è da annoverare nell’elenco delle menzogne da ballottaggio. Il movimento Io Sud è assolutamente lontano dal Pd ma anche dal Pdl che continua a diffondere falsità e notizie mistificanti col solo intento di tentare di accaparrarsi i voti di destra”. Adriana Poli Bortone replica così alle notizie diffuse attraverso un quotidiano di un possibile accordo con Vendola e il Pd. “Chi di destra ha già votato per Io Sud – continua Adriana Poli Bortone – ha fatto la scelta di allontanarsi da un partito la cui aggressività è stata connotata da comizi, spot ed interventi anche di alti esponenti di partito particolarmente violenti ed ingiuriosi, al punto da costringermi a definire la mia posizione di allontanamento dal gruppo senatoriale proprio a causa dell’assenza di democrazia interna al gruppo stesso e della violenza verbale adoperata in campagna elettorale da esponenti del Pdl. Le fantasie degli apparentamenti con Vendola appartengono soltanto agli incubi di chi ha già perduto per essere stato costretto ad andare al ballottaggio a Brindisi, Taranto, Lecce, Foggia, Bari. Una vera debacle che avrebbe dovuto invitare i responsabili del Pdl a fare un bagno di umiltà, chiedere scusa e tentare di ricucire. Se affinità comunque ci sono, ci sono fra la presunzione e l’arroganza dei dirigenti del Pdl e Vendola, ambedue ispirati dalla tecnica vetero-comunista dell’invenzione della bugia”. “Gli elettori di destra che hanno scelto Io Sud – conclude Adriana Poli Bortone – non si faranno abbindolare certamente dall’ennesimo vile attacco di chi sta dimostrando tutta quanta la sua debolezza morale e politica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!