Brucia la “Montagna spaccata”

Distrutti per sempre 25 ettari di pineta e macchia nell'incendio che si è sviluppato tra Galatone e Sannicola. Necessario l'intervento di tre Canadair

15 ettari di bosco di pino ed altri dieci di cespuglio sono andati persi per sempre. Divorati da un incendio che ancora senza spiegazione. E’ accaduto ieri attorno alle ore 15, nella zona detta della “Montagna spaccata”, tra Galatone e Sannicola. Il vento fresco ma forte ha fatto in modo che le fiamme crescessero e si propagassero con una consistente velocità. Il luogo impervio – si tratta di un dirupo fitto di vegetazione dove l’accesso è praticamente impossibile per i mezzi su ruota – ha reso difficili le manovre per lo spegnimento del fuoco. Infatti all’intervento della Forestale, dei vigili del fuoco, della protezione civile e degli operai della sezione “Antincendio boschivo” della Regione si è dovuto aggiungere quello di tre Canadair partiti da Ciampino. Ciò ha notevolmente dilatato i tempi. Ed oggi, ad incendio ormai spento, e a patrimoni naturalistico perduto per sempre, resta da stabilire le responsabilità. Ai carabinieri spetterà appurare la natura dell’incendio: se sia stata solo la negligenza di un bagnante o se sia stato l’atto voluto di un piromane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!