Biblioteca di Sarajevo. Cineforum Indivisibili

L’associazione politico-culturale organizza un cineforum nel quale saranno proiettate delle pellicole indipendenti sui vari argomenti trattati dall'associazione negli anni di attività

Nell'ambito del percorso Intensamente, l’Associazione politico-culturale “Biblioteca di Sarajevo” organizza nei mesi di giugno e luglio un cineforum dal titolo INDI VISIBILI nel quale saranno proiettate delle pellicole indipendenti sui vari argomenti trattati dall'associazione negli anni di attività. La scelta di produzioni indipendenti vuole caratterizzare ulteriormente questo cineforum per restituire il giusto spazio alle produzioni libere dalle strategie del mercato cinematografico, attraverso scelte audiovisive che conservano intatte le significazioni essenziali date dalla cultura, dall’etica, dalle problematiche sociali attraverso la lettura cinematografica. Attraverso gli appuntamenti promossi dall’associazione si porta avanti un percorso culturale che ritrova nella piccola corte, che sarà sede delle proiezioni, la dimensione più limpida della condivisione degli spazi per la crescita culturale. Si dà in questo modo uno strumento in più di analisi del nostro tempo, nelle sue tematiche più disparate ed emergenti, sempre al centro del dibattito dell’associazione. La “Biblioteca di Sarajevo” con queste proiezioni vuole spingere il pubblico ad una riflessione sui temi specifici condividendo e facendo cultura, per ritrovare la dimensione più naturale del dibattito e della comunicazione ad oggi difficile. La prima proiezione sarà questa sera alle 21,00 con “Domani torno a casa”, un film documentario prodotto da Emergency, che testimonia l’attività dei volontari nelle zone di guerra. A cadenza settimanale seguiranno gli altri film come dal programma. L’ingresso è aperto a tutti coloro che vogliono partecipare alle attività e sostenerle, attraverso la partecipazione alle proiezioni previste.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!