A Casarano torna la Cna

Obiettivo: esportare l’artigianato salentino

E’ nuovamente operativa la sede casaranese della Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato). Presidente è Vito Negro che riscopre l’importanza dell’artigianato per lo sviluppo del territorio

E’ di nuovo operativa la sede zonale della Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato) di Lecce. Dopo diversi mesi di inattività, la sede di via Palestro 30 è stata riaperta al pubblico (dal lunedì al venerdì, orario 17-20). Il simbolo di questa nuova stagione della Cna casaranese, la cui presidenza è stata affidata a Vito Negro, è il periodico “Cna Informa”, un bimestrale con una tiratura di 4mila copie che contiene utili notizie di carattere fiscale, normativo e finanziario. Il nuovo corso della Cna zonale, infatti, punta molto sull’informazione: oltre al periodico, è stato attivato un sito internet e stampate brochure informative che possono interessare gli artigiani. Recentemente, Cna di Lecce è stata presente con un suo stand all’ultima edizione di “Expo Città di Casarano” che ha riscosso un ottimo successo di pubblico (circa 800 contatti nei due giorni di esposizione). “Cna punta a fare rete per non lasciare solo l’artigianato – afferma il presidente Negro – la crescita di un settore importante come l’artigianato è una leva fondamentale per lo sviluppo del territorio e di questo la Cna di Lecce ne è consapevole. L’artigianato salentino – conclude Negro – merita di essere conosciuto oltre i propri confini territoriali e ciò sarà possibile solo tramite l’unica leva dell’associazionismo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!