Salento-Russia. Gli ultimi risultati del Sistema moda

Si terrà domani a Casarano un workshop per la presentazione degli ultimi risultati del Programma Internazionalizzazione Russia del Pit9

E’ una vera e propria alleanza nel nome della cooperazione territoriale e produttiva quella che, in forza anche della Missione svoltasi dal 24 al 27 maggio, si è stretta tra il Salento e San Pietroburgo, a coronamento del Programma Internazionalizzazione Russia del Pit9. Una alleanza che la firma dell’accordo esecutivo, avvenuta il 25 maggio a San Pietroburgo, tra Camera di Commercio di Lecce e Camera di Commercio Pietroburghese per l’attivazione di due Desk imprese, presso i rispettivi Uffici, espressamente dedicati alle imprese russe nel Salento e in Puglia, e italiane a San Pietroburgo, e la messa a punto di un progetto per una filiera produttiva tra Salento e Russia rafforzano ulteriormente. “Dai Desk Impresa alla Filiera produttiva: nuovi risultati del Programma Internazionalizzazione del Pit9” è il tema del workshop che si terrà domani pomeriggio a Casarano, ore 16, presso la sede del Cisi nella zona industriale, per presentare gli ultimi risultati del Programma, e soprattutto illustrare l’azione che i Desk impresa sono chiamati a svolgere. Il workshop si aprirà con i saluti istituzionali e l’introduzione al tema di Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Comune capofila Pit9; Silvio Astore, presidente dell’Assemblea dei sindaci del Pit9; Alfredo Prete, presidente della Camera di Commercio; Luigi Melica, dell’Università del Salento, delegato per l’Internazionalizzazione. Proseguirà con gli interventi di Caterina Mastrogiovanni, dirigente dell’Ufficio Unico Pit9; Umberto Vitali, coordinatore del Programma Internazionalizzazione Pit9; Luigi Sansò, presidente dell’Azienda Speciale Servizi alle Imprese; Giovanni Marsella, dell’Università del Salento; Francesco Macchiarella, di Exen; Roberto Fatano, di Confindustria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!