Parabita. Scritte contro Antonio Vincenti

Un brutto gesto ai danni del candidato di PRC. Preso di mira il suo comitato elettorale, sul quale sono apparse scritte e simboli fascisti

Scritte e simboli fascisti sul portone della sede del comitato elettorale di Antonio Vincenti a Parabita, candidato del partito della rifondazione comunista al Consiglio provinciale nel collegio di Tuglie. “Il Partito della Rifondazione Comunista (Federazione di Lecce) esprime solidarietà ad Antonio Vincenti, candidato alle elezioni provinciali per la Lista di Rifondazione, Pdci e Socialismo 2000 nel collegio di Tuglie. La sede di Parabita del comitato del candidato la scorsa notte è stata sottoposta ad atti vandalici che a hanno a che fare con il normale esercizio della dialettica democratica. Quello di Tuglie – ricorda Boris Tremolizzo, segretario proviciale Prc – è il collegio di provenienza del candidato Presidente del centro destra Gabellone. Proprio per questo auspichiamo che un atto di condanna venga anche da quel fronte e che gli autori di questi atti vengano immediatamente individuati Ciò che è accaduto a Parabita, a nostro avviso, mostra il vero volto dello scontro in atto in questa tornata elettorale. Qualcuno vorrebbe che lo scontro politico assumesse altre forme, non gradisce la presenza di forze di alternativa e, soprattutto, non accetta che chi vuole rappresentare il mondo del lavoro e i ceti popolari abbia la giusta visibilità. Chiunque sia l'autore di un così vile gesto deve sapere che tutto ciò rafforza la nostra volontà di proseguire sulla strada della costruzione di un altro mondo possibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment