[in ritardo] Burn After Reading

Non vorrete mica perdervi un film dei Coen, vero?

Dopo Non è un paese per vecchi i Coen mettono in scena un film “leggero” che leggero non è, visto che la satira è feroce e crudele. Satira che non è sulla Cia, come molti giornali hanno scritto, ma sulla nostra società e sui suoi valori. La storia è difficile da riassumere, intrisa com'è di equivoci, trame e sottotrame e personaggi. In ogni caso il film è divertentissimo e sprizza intelligenza da ogni fotogramma, tutti gli attori sono azzeccatissimi, da John Malkovich a Tilda Swinton perfetta virago fino a Frances McDormand e ovviamente George Clooney ancora una volta a suo agio in un ruolo comico e Bradd Pitt che è spettacolare. Burn after reading è un film importante, per la crudele lucidità con cui ci irride e per come travolge tutto e tutti con un ottimo ritmo, fino a un finale aperto che è bellissimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!