B come Barba

Sembrava un traguardo irraggiungibile ed invece è diventato realtà. La squadra del Gallipoli Calcio è stata promossa in serie B

“Oggi (ieri, ndr) Gallipoli ha scritto una pagina memorabile della sua storia, non solo calcistica. La serie B, per una realtà di poco più di 20mila abitanti, è un sogno ad occhi aperti oltre che un meraviglioso veicolo di promozione del territorio, non solo della nostra città”. Con queste parole Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli, ha commentato la promozione della squadra di calcio della città in serie B. “Un fantastico mosaico – ha continuato – che è stato costruito tassello dopo tassello grazie si ai giocatori, ai tecnici ed allo staff dirigenziale, ma che ha avuto nel presidente, l'onorevole Vincenzo Barba il suo vero artefice, perchè soltanto con la sua capacità manageriale ed il suo attaccamento per questa squadra si è riusciti, nel corso di tutti questi anni, a puntellare un organico di primissimo piano, capace di passare dai campetti in terra battuta dei piccoli centri salentini ad alcuni tra i palcoscenici più importanti del calcio italiano. Oggi quel progetto che il presidente proclamava sin dal suo insediamento, ‘B come Barba’, quel progetto che sembrava lontano anni luce da questa città, oggi quello slogan è il simbolo di una comunità in festa, che attende di misurarsi con un campionato di livello per dimostrare di avere le carte in regola per stare, a pieno titolo, in un torneo così prestigioso. Vincenzo Barba è riuscito in quella che a tutti, anche al più ottimista dei tifosi, sembrava una ‘mission impossible’. Sono certo – ha proseguito Venneri – che tutta Gallipoli, da oggi in poi, saprà essere all'altezza di questo traguardo che onora la città ed il Salento: con il calore, la passione e l'entusiasmo che solo il nostro tifo sa garantire e che per questo appuntamento con la storia saprà essere ancora più vicino al nostro Presidente, ai tecnici ed alla squadra. Da parte sua l'Amministrazione comunale continuerà, come in questi anni, a considerare il Gallipoli Calcio una risorsa importantissima per l'immagine e l'orgoglio della città, proseguendo in quel percorso che ha consentito agli atleti di giocare in una struttura che necessita dei doverosi adeguamenti, a cui abbiamo già iniziato a pensare, e che grazie all'impegno dell'esecutivo cittadino è passata da un terreno in terra, con buche e avvallamenti ad un campo in erba sintetica che ha subito un profondo maquillage e miglioramenti strutturali, nei servizi accessori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!