Il tango per Melingo

Tradizione e novità nella musica argentina: le storie di Daniel Melingo

Pare che il tango sia nato nei bordelli, il suo universo è da sempre un ambientino poco raccomandabile. Ogni alba può far luce sul corpo di un compadrito pugnalato o su una guancia sfregiata. Borges lo considerava la comédie humaine di Buenos Aires e, pur non amando tanto la sua versione nobilitata e sdoganata via Parigi, ipotizzò che si sarebbe potuta ricavare un’intera Iliade dalla fusione dei testi di tutti i vecchi tanghi. Chissà cosa penserebbe di Daniel Melingo, che al tango ci è arrivato via rockabilly-reggae-ska, fumetti argentini e un po’ di movida spagnola, e oggi lo amano a Parigi come a Londra (e forse a Cremona: dal suo myspace risulta che andrà a suonarci il prossimo 28 maggio). Melingo interpola questa Iliade di perdenti con le sue personalissime pennellate. Dalle mie parti c’era uno che si faceva il guappo, ma era una mezza tacca di cattivo. Usciva di notte, rientrava al mattino. Lo chiamavano Narigón, nasone, per quanto sniffava. Gli dicevano: prima o poi dovrai farla finita, hai voglia a mettere acqua nel mate, a un certo punto non ne cavi più niente. E fu così che s’intossicò e ci rimase stecchito, duro come una statua.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!