Ex catechista patteggia la pena

Due anni, patteggiati, al catechista di Veglie accusato di pedofilia

Ha patteggiato due anni di reclusione A.M., catechista di Veglie, accusato di pedofilia. In carcere da tre mesi, ieri l’udienza preliminare con il giudice Lariccia che ha ritenuto congrua la pena concordata con l’avvocato difensore Riccardo Giannuzzi. L’imputato risponde di diffusione e pubblicazione di materiale pedopornografico, accusa derivante da un indagine svolta a livello nazionale dalla polizia postale di Torino. La consulenza su tre pc, due portatili e un fisso, aveva infatti rilevato la presenza di immagini di bambini in pose erotiche, indagine che aveva portato all’arresto dell’imputato il 12 febbraio su ordinanza di custodia cautelare, che per ora dovrà quindi scontare l’intera pena.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment