Muore in un incidente. Come il figlio, 15 anni fa

I medici del Pronto Soccorso dell’ospedale “Perrino” di Brindisi non hanno potuto fare a per salvargli la vita

Per evitare una Fiat Panda che si stava immettendo sulla strada provinciale per Oria provenendo dalla zona industriale, sarebbe andato a sbattere contro un furgone. La sua moto Suzuki 600 è schizzata via, ed altrettanto ha fatto il casco che Mario Milito, meccanico di Alessano, per lavoro a Torre Santa Susanna, nel Brindisino, aveva indossato. L’impatto con l’asfalto è stato fatale. Nonostante i soccorsi siano scattati immediatamente, i medici del Pronto Soccorso dell’ospedale “Perrino” di Brindisi dove l’uomo è stato condotto d’urgenza non hanno potuto fare a per salvargli la vita. Lo sfortunato è stato condotto nella camera mortuaria dello stesso nosocomio. In gravi condizioni anche gli occupanti la Fiat Panda, due coniugi, i quali hanno riportato ferite non di poco conto; non sarebbero in pericolo di vita, ma se ne saprà di più nelle prossime ore. Ciò che getta ancora più sconforto sulla vicenda è che 15 anni, in un incidente dello stesso tipo, moriva il figlio di Milito, Andrea. La signora Piera, moglie e madre, non si era ancora ripresa da quel trauma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!