Un Istituto per don Tonino Bello

Una manifestazione che occuperà studenti e autorità civili e religiose per tutta la mattina, con la presenza di Loredana Capone e don Luigi Ciotti

Questa mattina l’Iiss – Polo professionale di Tricase – Alessano verrà intitolato a don Tonino Bello. Dopo l’inaugurazione della mostra “Don Tonino Bello a…fumetti” (ore 8.30), la santa Messa celebrata nella palestra dell’istituto (ore 9.30) e lo spettacolo Reading testi di don Tonino Bello a cura di Donato Chiarello, con accompagnamento musicale dell’arpa suonata dalla studentessa Rebecca Cappilli e del coro “Spirito d’armonia” di Tricase (10.30), sarà la volta di un momento molto atteso dagli studenti: don Luigi Ciotti incontrerà i giovani (alle 11.30), portando la sua esperienza di presidente di “Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie”. Subito dopo, intorno alle 13, è prevista la cerimonia di intitolazione dell’Istituto a don Tonino Bello, alla quale parteciperà Loredana Capone, che così si è espressa: “Questa intitolazione a Don Tonino Bello, personalità tra le più autorevoli che il Salento ha espresso in questi anni, è un gesto dall’alto valore simbolico, non solo per i credenti, ma per tutti coloro che vogliono una comunità che si impegna per gli ultimi”. “A 16 anni dalla sua scomparsa, -continua la vice presidente- il ricordo di don Tonino Bello non solo è ancora vivo nella nostra comunità, ma si alimenta e rafforza con il passare del tempo, grazie alla forza prorompente della sua testimonianza, dei suoi scritti, del suo linguaggio, capace di parlare ai giovani come agli adulti, lontani o vicini alla Chiesa, a tutti, senza differenza alcuna.” Aggiunge Anna Lena Manca, il dirigente scolastico dell’Istituto : “Tutta la popolazione scolastica è mobilitata a fare in modo che l’evento rappresenti una tappa fondamentale nella crescita e promozione umana per tutte le persone che vogliono condividerne l’esperienza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!