Adriana Poli Bortone e il centrodestra in Puglia

“Partito unico? In Puglia si lavora già da un anno”

L'ex sindaco di Lecce esprime le sue opinioni sul lavoro del centrodestra in Puglia. Futura nascita di un partito unico

“Già dallo scorso anno, subito dopo la conclusione della Festa Tricolore di Bari, abbiamo messo insieme un coordinamento dei Partiti e delle civiche del centrodestra pugliese che prima delle recenti elezioni amministrative ha registrato un suo logo identificativo presso il Notaio. La formalizzazione di un percorso comune che in Puglia, dunque, va avanti già da un anno e che adesso può convergere nell’operazione più ampia di un soggetto unico del centrodestra, che oltre ai Partiti veda assieme associazioni, forze della società civile ed espressioni localistiche che da tempo hanno una loro significativa consistenza”. Così il coordinatore di Alleanza Nazionale in Puglia Adriana Poli Bortone spiega la situazione delle forze della coalizione di centrodestra in Puglia, orientate (così come a livello nazionale) verso una ipotesi di costituzione di un unico soggetto politico. “Sono convintissima – prosegue – che nell’ambito della Casa delle Libertà ci debba essere una culla di sereno confronto e di serena collaborazione, dal momento che ciascuno di noi ha dei chiari valori da difendere e da proporre in una complementarietà di presenze e di azione politica. Il nucleo storico della coalizione non può che essere trainante per una operazione che nella nostra regione, più che altrove, può felicemente riuscire, specialmente se porteremo a termine il percorso programmatico (iniziato con gli altri coordinatori regionali) in virtù del quale entro dicembre, quando anche Forza Italia avrà il suo assetto organizzativo regionale, sarà opportuno decidere candidature importanti per i Comuni e le Province. Senza trascurare – aggiunge infine Adriana Poli Bortone – l’eventualità di elezioni politiche anticipate, nel qual caso riflessioni e conseguenti decisioni sarebbero di più ampio raggio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!