Trepuzzi, incendio nella chiesa madre

Causato da un corto nel quadro elettrico. Nessun danno strutturale, è salva la statua della Madonna dei Miracoli

A Trepuzzi si parla già di miracolo, sottovoce, ma se ne parla. Poteva andare molto peggio, ma fortunatamente non ci sono stati danni strutturali. L’incendio, scoppiato nella notte di domenica, non ha natura dolosa, ma, come accertato da vigili del fuoco e da sopralluoghi tecnici, è partito dal quadro elettrico, ha poi intaccato alcune tende e una piattaforma di legno, senza mai prendere piede, ma sollevando solo tanto fumo, per tutta la notte, fino a riempire tutta la chiesa. Nei prossimi giorni ci saranno comunque altri controlli, per verificare e quantificare i reali danni, e per capire quali saranno gli interventi da fare per ripulire il nero fumo che ha intaccato l’intera chiesa. A fugare ogni dubbio sulla natura non dolosa dell’incendio sono stati i vigili del fuoco e i Carabinieri della Caserma di Trepuzzi, comandata dal Maresciallo Fernando Guido, e in più lo dimostra il fatto che non esistono segni di scasso e l’allarme risultava ancora inserito nel momento della scoperta dell’incendio. La paura più grande è stata che il fumo avesse potuto danneggiare la statua della Madonna dei miracoli, dal 1702 protettrice di Trepuzzi, che in occasione delle festività in suo onore era fuori dalla sua nicchia e posta su un altare proprio accanto al quadro elettrico dal quale è partito l’incendio. Curioso il fatto che proprio quello è risultato il punto della chiesa più danneggiato dal fumo, che ha distrutto un quadro, annerito tutto intorno, ma non la nicchia della madonna. I fedeli hanno guardato con stupore questo evento, nessuno ha avuto il coraggio di dirlo, ma tutti hanno inevitabilmente pensato al “miracolo”. Affetto hanno subito dimostrato tutti i cittadini e il sindaco a don Flavio de Pascalis, e tutti si sono già impegnati per fare in modo che la chiesa possa riprendere al più presto al sua attività, partecipando in qualsiasi modo al necessario restauro della chiesa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!