Non si ferma all’alt dei carabinieri. Denunciato

Taurisano, giovane bloccato dopo un inseguimento, guidava con la patente revocata

Inseguimento all’alba tra le vie del centro di Tricase. Un giovane 23enne del luogo, alla guida di una Renault Clio, non si ferma all’alt dei carabinieri perché la patente gli era già stata revocata e rimedia così una denuncia all’autorità giudiziaria. L’alt sarebbe avvenuto intorno alle 5 del mattino, a cura della pattuglia del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase, diretta dal capitano Andrea Bettini., appostata in piazza Cappuccini. Al primo accenno di fuga da parte del giovane, subito è scattato l’inseguimento, fino al fermo della vettura nei pressi di via Galvani, alla periferia della città. Insieme al ragazzo, nell’abitacolo erano presenti altri due ragazzi di 17 e 21 anni. La patente gli era stata revocata il 5 dicembre scorso in seguito ad un controllo avvenuto nell’ottobre dello stesso anno, che aveva riscontrato nel sangue ragazzo un tasso alcolemico superiore alla norma. La fuga però è costata al ventitreenne una denuncia per guida con patente revocata e inottemperanza all’invito di fermarsi da parte delle forze dell’ordine. La vettura invece è stata restituita alla legittima proprietaria nonché madre del ragazzo denunciato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!