Poggiardo celebra i protagonisti della propria storia amministrativa

Oggi l’Amministrazione Comunale di Poggiardo organizzerà una manifestazione per ricordare tutti coloro che dal 1948 ad oggi sono stati eletti al Consiglio Comunale di Poggiardo

Poggiardo celebra i protagonisti della propria storia amministrativa. Scopo dell’iniziativa è quello di tributare il giusto riconoscimento a tutti i protagonisti della vita amministrativa del paese che con il loro contributo ne hanno favorito la crescita e lo sviluppo. La manifestazione sarà anche occasione per presentare alla cittadinanza l’opera “Poggiardo 1946-2006 sessant’anni di elezioni” di Anacleto Vilei, che, attraverso un’accurata ed esauriente analisi di tutte le elezioni svoltesi a Poggiardo nel corso di questi 60 anni, aiuta a capire come il quadro composito dello scenario politico nazionale si sia ricomposto, tra analogie e specificità, nel contesto locale. Il programma della manifestazione, che si svolgerà presso il Teatro Illiria con inizio alle ore 9,30, prevede, dopo i saluti del Sindaco di Poggiardo Silvio Astore e dell’Assessore alla Cultura Domenico Tarantino, gli interventi dell’On.le Giacinto Urso, del Professor Enrico Cuccodoro, di Anacleto Vilei e del Ministro per gli Affari Regionali Raffaele Fitto. Momento saliente dell’evento sarà la consegna di una targa di riconoscimento agli undici Sindaci eletti dal 1948 ad oggi e di un pergamena di riconoscimento a tutti i Consiglieri comunali succedutisi nello stesso periodo. “Non posso che provare un profondo senso di gratitudine e apprezzamento per l’opera di Anacleto Vilei – afferma il sindaco di Poggiardo Silvio Astore – perché oltre a constatarne una volta di più la pregevole operosità, rivolta alla sua amata Poggiardo, porta l’attenzione su un segmento poco noto della nostra storia fornendocene una chiave di lettura fino a ora sconosciuta. L’opera di Anacleto Vilei, consentirà, soprattutto ai più giovani, di scoprire e comprendere l’evoluzione storica sociale e culturale della nostra comunità, attraverso i protagonisti dell’attività amministrativa dal 1948 ad oggi.” “Per molti concittadini che hanno qualche anno in più – aggiunge l’Assessore alla cultura Domenico Tarantino – leggere l’opera di Vilei sarà un viaggio a ritroso nel tempo, il ricordo di persone che hanno scandito la loro vita. Per i più giovani sarà invece l’occasione di scoprire, volto dopo volto, il passato, la storia della nostra comunità, e di riappropriarsene in qualche modo. Quello che noi siamo oggi lo dobbiamo a questi uomini che, anche se a volte in modo problematico e critico, hanno condiviso i valori e le istituzioni che orientano la vita pubblica verso il futuro.”

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!