Primo grado. Sei mesi al sindaco di Ruffano

Rischiano anche gli assessori

Nicola Fiorito, sindaco di Ruffano, è stato condannato a sei mesi in primo grado per le ipotesi di reato di minacce ed abuso d’ufficio: minacciò Federico Perrone, comandante della Polizia municipale, e gli sottrasse la dirigenza dell’Ufficio Commercio

Sei mesi a Nicola Fiorito, sindaco di Ruffano, per aver minacciato Federico Perrone, comandante della Polizia municipale, e per avergli sottratto la dirigenza dell’Ufficio Commercio. Fiorito è stato dunque condannato per le ipotesi di reato di minacce ed abuso d’ufficio. Ma non è finita; perché anche i componenti la Giunta finiranno nel mirino nei prossimi giorni in quanto il gup Annalisa De Benedictis ha disposto la trasmissione degli atti al pm Guglielmo Cataldi perché valuti le effettive responsabilità degli assessori nella parte dell’accusa di abuso di ufficio relativa alla delibera del 20 dicembre 2004 che sottopose il corpo della polizia municipale alle dipendenze del Gabinetto del sindaco. Relativamente al primo capo di imputazione, il giudice ha derubricato l’ipotesi di minaccia a pubblico ufficiale in minaccia aggravata. L’episodio risale al 25 settembre 2004. Fiorito aggredì verbalmente Perrone per aver messo sotto sequestro un immobile abusivo e non averlo avvisato prima di depositare gli atti in Procura. Il primo cittadino avrebbe usato toni pesanti nei confronti del comandante della Polizia municipale, minacciandolo di morte e di destituirlo dal suo incarico. La sentenza di primo grado è la conclusione del primo capitolo della vicenda giudiziaria solo per quel che riguarda le minacce. Ora rischiano di finire sotto inchiesta tutti gli assessori della Giunta Fiorito che deliberarono la riorganizzazione dell’organigramma del Comune.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!