Riflessioni sulla candidatura di Massimo Ferrarese

“Una novità in termini politici”

Angelo Tondo, presidente provinciale di Io Sud, fa alcune riflessioni sulla candidatura di Massimo Ferrarese, convinto che rappresenti una novità in termini politici

La candidatura a presidente della Provincia Brindisi da parte di Massimo Ferrarese impone qualche riflessione più profonda, fuori dalle sterili polemiche che in questi giorni imperversano sulla stampa. In termini di offerta di politica territoriale, non si può pensare che questa eccessiva sistemazione della rappresentanza costituzionale in soli due partiti riesca a rappresentare interamente il territorio. Come nelle città nascono, sono nate e continueranno a nascere liste civiche, allo stesso modo, sui territori, crollate le ideologie, si punta sempre più sui programmi e sulle persone. Angelo Tondo, presidente provinciale di Io Sud, fa alcune riflessioni sulla candidatura di Massimo Ferrarese, convinto che rappresenti una novità in termini politici, in quanto si tratta di persona che già si è saputa spendere bene in termini manageriali, nella sua professione, nel sociale e come massimo esponente di Confindustria. All’esperienza brindisina occorre guardare affinchè allo stesso modo su tutti i territori si lasci spazio a nuove aggregazioni. Sottolinea Angelo Tondo: “A mio modo di vedere, c’è in corso un processo di scomposizione e ricomposizione territoriale che è legato anche al discorso del federalismo che si sta per attuare. Il federalismo impone ai territori di essere fortemente concorrenziali fra di loro e per esserlo non si possono riproporre gli schemi che si pretende di avere a livello nazionale.” Pertanto bisogna fare appello a tutte quante le capacità, le intelligenze, le volontà del territorio. In questo senso non c’è da meravigliarsi se è stata individuata una personalità come quella del presidente Ferrarese e si converga su quella. Va sottolineasto che non è l’accordo con il Pd che ha portato successivamente ad esprimere una candidatura, ma è una disponibilità di candidatura da parte di Ferrarese sulla quale abbiamo ritenuto di convergere indipendentemente l’uno dall’altro. Tant’è che per il Comune di Brindisi “IO SUD” converge sul candidato Nicola Di Donna che notoriamente non è iscritto al PD, che è invece espressione di quella destra moderna, capace di essere forza di governo. Quanto alle considerazioni di Carlo Salvemini riportate dalla stampa, Angelo Tondo ricorda che “la bontà del modello di Adriana Poli Bortone è testimoniato da dieci anni di buon governo che hanno portato Lecce ad avere un apprezzamento generalmente diffuso in Italia e in Europa.” Appare quindi fuori luogo alzare steccati di fronte alla possibile convergenza su un candidato come Adriana Poli Bortone.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!