Nel capannone, la carrozzeria. Abusiva

Supersano. Il locale, 350 metri quadrati, era dotato di tutta la strumentazione necessaria, ma non dei necessari permessi

SUPERSANO – Esercitava l’attività di carrozziere, non avendo alcuna autorizzazione. Nei guai è finito un 46enne di Supersano. I finanzieri della Tenenza di Casarano hanno infatti scoperto che la sua autocarrozzeria, un capannone nella zona industriale di Supersano, non aveva alcun permesso. Nel corso dell’intervento all’interno del locale di circa 350 metri quadrati, adibito ad officina con tanto di attrezzatura e cabina/forno per verniciatura, sono state rinvenute alcune autovetture in riparazione ed altre, già pronte, in attesa di essere ritirate dai rispettivi proprietari. In assenza delle autorizzazioni amministrative per l’esercizio dell’attività di carrozziere da parte dell’uomo, i militari hanno sottoposto a sequestro amministrativo tutta l’attrezzatura utilizzata contestando al 46enne, tra l’altro, violazioni che prevedono multe da 2.582 a 15.493 euro. I militari hanno inoltre dato il via ad una per assoggettare ad imposizione fiscale tutti i ricavi conseguiti e non dichiarati nei vari anni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!