Gallipoli. L'estate è fresca per gli anziani

Contributi per gli anziani che acquistano i climatizzatori

Entro la fine di questa settimana saranno disponibili i contributi previsti quest'estate per gli anziani ultra sessantacinquenni che hanno acquistato i climatizzatori d'aria, al fine di fronteggiare l'emergenza-caldo

Continua a procedere con risultati positivi e tangibili l'attività dell'Ufficio di Piano, la struttura che coordina le politiche sociali nelle realtà di Gallipoli – comune capofila – Alezio, Alliste, Melissano, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie. Entro la fine di questa settimana, infatti, saranno disponibili i contributi previsti quest'estate per gli anziani ultra sessantacinquenni che hanno acquistato i climatizzatori d'aria, al fine di fronteggiare l'emergenza-caldo. L'Ufficio ha già infatti espletato tutte le procedure, che consentiranno di distribuire oltre 10mila euro tra i circa 70 anziani del territorio di riferimento che hanno presentato l'apposita istanza. “Si conferma – ha commentato il vicesindaco Giovanni De Matteis, che ha la delega alle Politiche Sociali ed ai Servizi alla Persona – l'efficienza di uno strumento nato per soddisfare le esigenze delle fasce sociali più meritevoli di attenzione e che può avvalersi di uno staff efficiente e di una comprovata sinergia dei comuni che ne fanno parte”. I diecimila euro per i climatizzatori vanno ad aggiungersi al milione di euro già versati dall'Ufficio di Piano per varie attività e per diverse problematiche e sarà seguito da ulteriori stanziamenti per disabili, parti gemellari e plurigemellari e per l'assegno di cura, dove sono previsti oltre 340mila euro. “Un servizio aggiuntivo per i nostri anziani – ha concluso l'assessore De Matteis – relativamente ai contributi per i climatizzatori sarà dato dal fatto che i beneficiari dei fondi appositamente previsti riceveranno direttamente a casa loro un assegno circolare, onde evitare ulteriori andirivieni dagli uffici comunali. Un altro modo per dimostrare vicinanza ed attenzione verso una fascia della nostra società che abbiamo in grande considerazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!