Ugento. Prezzi fai da te

Il Comune di Ugento non applica il prezzario della Regione Puglia

Il Comune di Ugento non applica il prezzario della Regione Puglia del giugno 2008, violando l’obbligo normativo di applicare negli appalti dei lavori i prezzi correnti e vigenti al momento dell’approvazione e revisione del progetto

“Il Comune di Ugento, nel determinare la base d’asta dei prezzi dei lavori di adeguamento dei recapiti finali ed ampliamento della rete di fognature pluviale, non ha applicato il prezzario della Regione Puglia del giugno 2008. Così operando, ha palesemente violato l’obbligo normativo di applicare negli appalti dei lavori i prezzi correnti e vigenti al momento dell’approvazione e revisione del progetto”. Denuncia così in una nota, Sergio Goffredo Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce, che continua “sussiste una stretta correlazione fra la qualità delle prestazioni, da intendersi come equilibrio contrattuale tra le parti, e l’importo stimato a base d’asta, che, se non remunerativo, comporta l’alterazione delle prestazioni stesse. Nel caso del Comune di Ugento, da una puntuale analisi dei prezzi messi in gara (peraltro, trasmessa al Comune con una lettera con la quale si chiedeva l’anamento della procedura) risulta che per eseguire a regola d’arte i lavori previsti necessita un importo a base d’asta superiore di almeno un 50%”. Afferma quindi il Presidente Goffredo: “cade naturale una considerazione. Se l’Ente appaltante, tenuto al rispetto dei basilari principi di efficienza, efficacia e correttezza, che si concretizzano in una verifica sostanziale della congruità dei prezzi, opera illegittimamente, allo scopo di ottenere un presunto risparmio, ne può facilmente conseguire l’ipotesi che l’appaltatore, per limitare le perdite, dovrà pure trovare, nella fase di esecuzione dei lavori, degli espedienti. Per cui: allungamento dei tempi previsti per consegnare l’opera, riserve e contenzioso, cambio dei materiali previsti nel capitolato, ricorso al lavoro nero, mancato rispetto delle norme di sicurezza”. “Voglio dire – conclude Goffredo – che gli appelli alla cultura della legalità, gli inviti alla cultura della responsabilità sono parole e non ancora fatti. In questi tristi giorni, questa amara riflessione dovrebbe, veramente, condizionare il lavoro di tutti coloro che, a vario titolo e responsabilità, operano nella filiera dell’appalto di lavori pubblici”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati