Preoccupazione per la presenza di diossina negli alimenti lattiero caseari

Maglie e CoperSalento: necessario aumentare la tracciabilità dei prodotti lattiero caseari

La tracciabilità dei prodotti, un elemento importante per l'identificazione di un prodotto trasformato e mezzo di risposta a possibili scandali alimentari

La possibile presenza di diossina negli alimenti (lattiero caseari) a Maglie e nel Salento, provenienti da allevamenti presenti in una raggio d'azione di alcuni km dalla CoperSalento, preoccupano e tanto i cittadini salentini. A tutt' oggi analisi sono in corso da parte di ARPA Puglia per verificare ed investigare la presenza di questa molecola nei campioni prelevati nei giorni passati dall' autorità competente. Nell' attesa di conoscere gli esiti di quest' indagine, Italia dei Valori della Provincia di Lecce con il suo responsabile di area – Dr. Antonio Stea – richiama l' importanza ed il rispetto da parte delle aziende salentine del Regolamento Comunitario 178/2002 inerente l' implementazione del sistema di tracciabilità dei prodotti; tracciabilità volta non solo all 'identificazione di un prodotto trasformato per consolidarlo successivamente sui mercati, ma anche intesa come mezzo di risposta a possibili scandali alimentari. Mediante tale processo si può infatti effettuare un regolare e perentorio richiamo di merce e prodotti a rischio. Italia dei Valori Lecce da sempre attenta alla sicurezza dei consumatori e dei cittadini esprime la necessità di aumentare l'applicazione, ormai normata, del suddetto Regolamento comunitario. A tal proposito IDV Lecce ricorda agli allevatori ed alle aziende di trasformazione che mediante l’attuazione dell’ ormai prossimo PSR Puglia e nello specifico la misura 123 le stesse avranno la possibilità di rafforzare, in un ottica di gestione della qualità, i sistemi d controllo e di tracciabilità dei loro eccellenti prodotti. Antonio Stea Responsabile provinciale Italia dei Valori, dipartimento agricoltura della Pr di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment