Pasquetta pulita a Punta Pizzo

Bilancio positivo per la manifestazione di Legambiente e Cir

E' stata una Pasquetta rispettosa dei divieti quella di ieri a Punta Pizzo a Gallipoli. Le condizioni meteo hanno determinato una limitata affluenza all'area. Si è verificato, tuttavia, il primo intervento antincendio

Si è conclusa con successo l'operazione “Pasquetta pulita nel parco regionale litorale di Punta Pizzo a Gallipoli”, organizzata dall'Autorità di Gestione ed affidata a Legambiente ed al Cir – Protezione civile di Gallipoli, in collaborazione con Corpo forestale, Capitaneria di Porto e Polizia municipale. A causa delle condizioni meteo sfavorevoli, l'affluenza all'area è stata molto limitata e pertanto rispettosa dei divieti. Già alle otto del mattino le transenne erano state collocate ai varchi di accesso residui dopo la realizzazione delle staccionate di recinzione, e non vi è stato alcun tentativo di effrazione. Curiosamente invece vi è stato il primo intervento antincendio in area parco per l'anno in corso: ignoti verso le 8.30 hanno appiccato il fuoco, nonostante la pioggia incipiente, nel tratto di prateria compreso tra la strada litoranea e la pineta in contrada Li Foggi, interessando un'area di circa 8000 metri quadrati. Prontamente avvistato e segnalato dai volontari delle due associazioni, che sono intervenuti con mezzi di fortuna abbattendo le fiamme in pochi minuti, alla Forestale è rimasto il compito di censire il danno e verbalizzare. Un'ulteriore dimostrazione che controlli costanti e puntuali sono indispensabili a garantire la sicurezza del parco, soprattutto nelle sue fasi di avvio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!