Venerdì Santo, il “trozzulante” da il via alla processione

Con la Pasqua arrivano, in tutti i paesi del Salento, i riti della settimana santa

Il singolare rito di Cerfignano del Venerdì Santo. Coinvolgente rituale della confraternita dell’Immacolata Concezione, singolare la figura del “trozzulante” e le statue portate in spalla dai penitenti

Con l’arrivo delle festività pasquali, il Salento si rivela più devoto che mai. In molti paesi si svolgono riti durante tutta la settimana santa, riti purificatori che coinvolgono i partecipanti in modo unico. Quest'anno siamo a Cerfignano di Santa Cesarea Terme. Anche qui un rito unico nel suo genere, al quale il confratello “trozzulante”, munito del bastone del pellegrinaggio in una mano e di una ”trozzula” nell’altra, da il via dal portone della chiesa della confraternita dell’Immacolata Concezione. Lo farà agitando l’antico strumento definito la “trozzula”, una tavola di legno composta da maniglie e borche metalliche che agitata produce un rumore caratteristico. Con l’uscita del trozzulante, a seguirlo sarà il gonfalone nero e della croce dei misteri . Seguiranno poi le statue dei Sacri Misteri, trasportate dai confratelli in abito elegante che nell’ordine esibiranno: Gesù nell’orto, Gesù alla colonna, Ecce Homo, La salita (Gesù carico della croce), il crocefisso e Gesù morto nella sua urna luminosa. Seguiranno le file delle consorelle e dei confratelli e quindi l’Addolorata. Il tutto accompagnato dalla banda di paese, e dalle luci, che da entrambi i lati della strada guideranno il cammino dei penitenti. La processione dopo il suo consueto e vasto giro della cittadina si concluderà nella Chiesa Matrice, da dove il parroco detterà la predica sulla passione di Nostro Signore. Il trozzulante, inviterà poi i suoi confratelli a riprendere il cammino, ma questa volta facendo volgere alla conclusione l’evento, trasferendo i simulacri nella Chiesa della Confraternita dove per tutta la giornata del sabato Santo rimarranno esposti alla pubblica venerazione dei fedeli. Il tradizionale ed atteso appuntamento avrà inizio alle ore 20.30 di venerdì 10 Aprile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!