Porto Cesareo aderisce al parco del Negroamaro

Sambati: “Grande opportunità di sviluppo per la nostra città”

L'amministrazione Comunale di Porto Cesareo aderisce al parco del Negroamaro. Sambati, il presidente del consiglio, esprime la sua soddisfazione, in quanto è una grande opportunità di sviluppo per la città

Con la deliberazione del consiglio comunale numero 21 delllo scorso 27marzo, il Comune di Porto Cesareo ha approvato all’unanimità dei presenti l’adesione al Parco del Negroamaro. Si tratta di un ulteriore passo verso la promozione e valorizzazione delle bellezze naturali presenti sul territorio cesarino. Tanta la soddisfazione del governo locale. “In particolare -afferma il presidente del consiglio Comunale Eugenio Sambati, delegato ai parchi ed alla valorizzazione ambientale- con questo provvedimento Porto Cesareo ha compiuto l'ennesimo passo in avanti verso la promozione del suo splendido territorio. Un territorio -continua- che deve necessariamente tenere in grande conto la necessaria sinergia tra terra e mar e che all'interno del parco de Negroamaro, per quanto riguarda il versante jonico, è rappresentata proprio dalla nostra città”. La tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico, architettonico, storico e rurale, la crescita sociale economica e culturale, il necessario sostegno e sviluppo dell'economia turistica eco-compatibile ed eco-sotenibile unitamente alla salvaguardia dell’ambiente e del territorio, sono aspetti di cui si occuperà il nascente organismo e di cui orgogliosamente oggi la comunità cesarina si sente parte integrante con ben altri 22 comuni del comprensorio nord salentino appartenenti alle provincie di Lecce e Brindisi. In conclusione l'auspicio del presidente Sambati. “Attraverso il Parco del Negroamaro, che lavorerà in stretta collaborazione con il Parco Terrestre Palude del Conte e Duna Costiera, aumenteranno le possibilità di ottenere finanziamenti locali, regionali, nazionali ed europei per i numerosissimi progetti che l’Amministrazione Foscarini ha messo in cantiere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!