Frontale. Salentina muore a Velletri

Lascia il marito ed una bimba di dieci anni

Lo scontro è avvenuto all'altezza di un incrocio percorso infinite volte. La donna che ha perso la vita era un'ispettrice di polizia di Lecce, da dieci anni a Nettuno

Lo scontro che l’altro ieri ha causato la morte di Cristina Sales, 45enne ispettrice di Polizia leccese da dieci anni a Nettuno, è avvenuto su una strada percorsa più volte al giorno, la Velletri-Nettuno, che la portava a casa dal lavoro. La donna si trovava a bordo della sua Renault Clio assieme al marito; prima di rincasare stavano passando a prendere dalla scuola la loro bimba di dieci anni. Ma giunti ad un incrocio, anche quello percorso chissà quante volte in maniera automatica tanta la familiarità, qualcosa è andato storto. Sarà stata forse la scarsa visibilità, forse la poca aderenza dell’auto all’asfalto, determinata da una pioggia leggera ma fitta, a causare lo scontro frontale della Clio con una Ford Focus. Uno scontro talmente violento che entrambe le auto sono state scaraventate fuori strada nelle campagne circostanti, in località “Cinque Archi”,alla periferia di Velletri. La dinamica esatta dell’incidente sarà ricostruita nelle prossime ore dagli inquirenti. Al padre, rimasto ferito come le altre persone coinvolte nello scontro, ad una poliziotta e ad una psicologa è spettato il duro compito di riferire alla figlia la perdita della madre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!