Tragedia di San Lorenzo. Alcol e droga nel sangue

I risultati dei test disposti dalla Procura sui campioni di sangue dei due guidatori

In quel terribile incidente tra due auto sulla Galatone-Santa Maria al Bagno dello scorso 10 agosto persero la vita in sette. Uno dei due guidatori aveva bevuto ed assunto cocaina

Le analisi parlano chiaro. E parlano di tracce di alcol e cocaina nel sangue di Matteo Maggiore, il conducente della Mini Cooper rimasto vittima, nella notte di San Lorenzo dello scorso anno, di uno scontro frontale sulla Galatone-Santa Maria al Bagno, nel quale persero la vita altre sei persone. Le analisi sono state disposte dalla Procura su campioni di sangue dei due conducenti delle auto. Ma in quello di Luigi Moschettini, 33enne di Carpignano Salentino, che era alla guida della Fiat Marea che si scontrò con la Mini, il test non ha rinvenuto la presenza di alcuna sostanza che possa aver alterato i riflessi del guidatore. Si chiude così l’ultimo atto del fascicolo per il quale a breve il magistrato chiederà l’archiviazione, in considerazione del fatto che entrambi gli ipotetici responsabili dell’incidente sono morti. Con loro hanno persero la vita quel maledetto 10 agosto dell’anno scorso anche Enrico Mariano, 18 anni, di Galatone; Mery Coviello, 19 anni, di Galatina; Stefania Moschettini, 28 anni, sorella di Luigi; Chiara Filieri, 17 anni, ed Elisa Giurgolo, 18 anni, di Galatone. Si salvarono, ma si portano dietro le conseguenze del terribile incidente, Daniele Santoro, 24enne di Galatone, e Federica Baldari, 19enne di Galatina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment